Salone del Mobile.Milano 2021 date definitive dal 5 al 10 settembre

L’evento sarà l’occasione per celebrare il 60° anniversario del Salone del Mobile di Milano e dare anche una nuova opportunità di rilancio per le imprese e per tutta la filiera. L’edizione numero 60 riunirà per la prima volta tutte le categorie merceologiche, rappresentando un momento speciale.

242

Il #SalonedelMobile.Milano 2021 sarà a settembre, in concomitanza con il 60° anniversario.

Posticipato più volte finalmente gli organizzatori hanno fissato le date dell’evento anche per dare modo alle tantissime aziende e produttori di preparasi. Per la prima volta nella storia della manifestazione saranno presenti in contemporanea insieme al Salone Internazionale del Mobile, al Salone Internazionale del Complemento d’Arredo, a Workplace3.0, S.Project e al SaloneSatellite, tutte le biennali. Oltre a Euroluce, già prevista nel 2021, saranno presenti EuroCucina, con il suo evento collaterale FTK – Technology for the Kitchen e il Salone Internazionale del Bagno.

La sessantesima edizione del Salone si terrà, dunque, nel 2021, non come tradizione ad aprile, ma dal 5 al 10 settembre.

Poter realizzare il Salone il prossimo anno – afferma il presidente del Salone del Mobile, Claudio Luti – è priorità assoluta per tutti noi che viviamo di design.
Abbiamo lavorato con molta cautela in queste settimane per evitare di fare proclami o annunci che dovessero poi essere smentiti o rivisti alla luce di nuove evoluzioni. Spostare la data del Salone del Mobile non è un semplice esercizio di calendarizzazione, ma deve tener conto dei molti giorni necessari per allestire e disallestire i diversi padiglioni e questo, a sua volta, deve coincidere con le esigenze di molte altre manifestazioni che utilizzano gli spazi di Fiera Milano.
Oggi, dopo aver raggiunto la miglior soluzione possibile grazie alla collaborazione di Fiera Milano, possiamo confermare la nuova data. Confidiamo che lo slittamento a settembre possa lasciare i giusti tempi per superare la fase ancora acuta della pandemia e rappresentare davvero una ripartenza reale a livello globale. Abbiamo tutti bisogno del Salone a Milano.
I clienti e i designer di tutto il mondo, così come la stampa che ci segue a livello internazionale, ci hanno chiesto insistentemente in questi mesi risposte sulla conferma dell’edizione. Ci saremo e saremo ancora più belli e motivati come motivate sono le imprese che stanno lavorando per progettare e produrre le migliori proposte possibili.

Dopo un così lungo tempo di distanziamento fisico e sociale in ogni ambito, vorremmo poter pensare al Salone dell’incontro e del confronto reale e poter tornare a emozionarci insieme con una città animata di nuovi propositi”.