Pentole in acciaio inox

217

Questi #utensili da #cucina professionale hanno un’anima in #alluminio rivestita in #acciaio inox. 

La fabbricazione parte da due lastre di acciaio inox, con una saldatrice a punti vengono fissati insieme per un lato. Le lastre saldate vengono disposte su un supporto da assemblaggio. Un braccio a ventosa solleva quella superiore ed inserisce un foglio di alluminio. Questo sandwich metallico viene messo a girare per 10 minuti in un #forno. La #temperatura di 370 gradi centigradi ammorbidisce il #metallo preparandolo per il #fissaggio e la #sagomatura. Dal forno il metallo passa in un primo laminatoio dove applicando corrente elettrica e calore si fondono i tre strati. Poi, in un secondo laminatoio a rulli che rettifica la giunzione. Il vapore prodotto dal lubrificante idrosolubile evapora a contatto con il metallo rovente. Ora la lastra pluristrati viene scaldata di nuovo in un secondo forno per rinforzare la giunzione. Da qui va sotto una pressa di 100 tonnellate che la spinge in uno #stampo per iniziare a dargli la sagoma dell’utensile voluto. Viene ripulita da ogni residuo dettaglio, anche il più piccolo frammento finendo sotto la pressa può danneggiare il metallo. Ora, il disco va sotto una pressa di 200 tonnellate con un utensile da formatura che gli dà la sagoma di una padella da 25 centimetri. Un foglio di carta è collocato tra le #padelle per evitare graffi. Sulla pressa si possono montare diversi utensile da cromatura per produrre pezzi versi, dalle casseruole alle pentole. Una volta modellato il pezzo si passa alla rifinitura. Questa pressa sbavatrice rimuove il metallo in eccesso lungo il perimetro.

Ora il bordo è ulteriormente rifinito perché la sbavatrice lo ha lasciato irregolare, viene levigato facendolo sfregare contro una fresa ad alta velocità. Il passo successivo è la #smerigliatura con un nastro abrasivo, la superficie interna della padella ruota ad alta velocità contro il nastro e viene rifinita a specchio, ora l’esterno. Le padelle vanno su una spazzola rotante, gireranno su dieci smerigliatrici di grana sempre più fine, al termine del processo l’acciaio INOX è rifinito a specchio.
Arriva il momento di montare i #manici, l’utensile va sotto una pressa che è essenzialmente una punzolatrice industriale che fora il metallo applicando diciotto tonnellate di forza. Si posizionano i rivetti nei fori, poi un’altra pressa li schiaccia a filo col metallo, la testa del rivetto si allarga fissando il manico saldamente. Questa #azienda produce utensili da cucina professionali con un’anima in rame all’interno di quella in alluminio, una struttura per la cosiddetta cottura a induzione, l’ultima novità in cucina. Una fessura lungo il perimetro espone il #rame sotto l’acciaio dando a queste pentole di pregio un aspetto distintivo, dopotutto efficienza e stile sono importanti in un’industria dove la concorrenza è sempre rovente.