Le novità Lema al Salone del Mobile 2015

1104

Le novità Lema al Salone del Mobile 2015

lema-salone2015Prima in Italia a proporre sistemi modulari su misura per la zona giorno e notte, grazie al profondo know-how tecnico, Lema ha saputo evolversi costantemente, costruendo in oltre 40 anni di storia, una proposta completa per la casa, modulabile sui gusti e sulle esigenze personali, attraverso un’ampia gamma di arredi dall’innata eleganza che, oltre ai sistemi, core business del brand, include oggi sedute, imbottiti, tavoli, madie, letti e complementi.
Da alcuni anni infatti il brand si racconta attraverso una precisa idea abitativa pervasa da un raffinato understatement, dedicata agli amanti di uno stile di vita informale: è la casa Lema, rifugio dell’anima, spazio pensato come un abito sartoriale libero dalle costrizioni, ispirato ad uno stile di vita lontano dal clamore e dalla pretenziosità, votato al massimo comfort emotivo.

Questo spirito è alla base anche delle novità che Lema ha presentato al Salone del Mobile 2015, arredi e complementi disegnati da nomi noti del panorama internazionale del design accanto a progettisti emergenti.
A rimanere impressi non sono solo i singoli oggetti ma l’insieme. Il fulcro del lavoro di quest’anno si è concentrato, infatti, attraverso la creazione di arredi e complementi dal forte carattere, sull’ampliamento e completamento dei modelli abitativi di Lema.

Ad imporsi tessuti dalle texture carezzevoli e dalle trame importanti, quasi fossero lavorati a mano, abbinati a velluti e pelli come cuoio e nabuk. La palette cromatica trae ispirazione da un approccio lieve alla decorazione: il beige e il tortora si esaltano nel contrasto con nuance più scure come cioccolato e mattone. I legni sono materici, con venature che ne esaltano la naturalità come il rovere termotrattato e il noce Canaletto. Finiture bronzate dall’effetto vissuto caratterizzano i metalli: particolari processi di verniciatura fissano il colore in profondità donando ai pezzi una rotondità particolare, caldi e lussuosi dettagli di stile senza mai abbandonare la linearità di forme e la consueta discrezione di Lema.

lema-pietro-lissoni
Tavolo Memo di Piero Lissoni

Tra le nuove proposte, emerge l’assoluta purezza del tratto di Piero Lissoni che firma il tavolo Memo.
Pensato per arredare una grande zona pranzo o una raffinata sala riunioni, Memo è caratterizzato dalla discrezione minimalista che definisce lo stile di Lissoni e dalle dimensioni esasperate, cm 400×110.

Lontano da una frenesia progettuale ostentativa, conquista per l’equilibrio e la simmetria degli elementi: il piano in rovere termotrattato o pietra lavica e la struttura in metallo, proposta in alluminio spazzolato color Titanio o in laccato rosso Borgogna. La ricerca estetica si è infatti concentrata sui materiali e sulla loro capacità espressiva che supera ogni forma di artificio.

Se l’articolo ti piace condividilo. Se ti fa riflettere, commentalo. Se non ti piace, passa oltre. Se puoi linkarlo, fallo. Mi occupo di Assistenza, Suggerimenti e Servizi Internet a Rivenditori, Industrie e Rappresentanti del Settore Arredamento.