Fabrice Berrux, designer di Bonaldo per il Salone del Mobile 2019

296

E’ Fabrice Berrux il designer che #Bonaldo ha privilegiato per presentare la propria collezione al Salone del Mobile di Milano 2019.

Il designer racconta in maniera semplice, lineare e appassionata la sua esperienza creativa per la storica azienda veneta, esprimendo perfino lo stupore per la presentazione integrale della sua proposta di arredo contemporaneo alla kermesse più attesa dell’anno.
I suoi pezzi, racconta, non erano stati concepiti con l’idea di essere accostati gli uni agli altri, poiché ognuno è unico e nasce da studi diversi.

“Sono sempre attento, e permanentemente in cerca di temi di ispirazioni, compro tutti i giornali, che siano riviste di collezionismo, decorazione artistica, di moda e mi impregno di immagini, di esposizioni, di viaggi.”

Così presenta la genesi della sua creatività. Nulla di preimpostato, ma neanche disegni lasciati al caso. Le sue composizioni partono da accostamenti e dissonanze che accendono la miccia dell’ispirazione.

Sono nati così sia il tavolo Delta che la sedia Otto.
Il tavolo, minimal, pulito ed elegante, nasce dalla volontà di rappresentare “il vuoto”, lo spazio che intercorre tra le cose: la sintesi dello studio è raggiunta nello spazio vuoto che intercorre tra la base d’appoggio del piano e la gamba stessa, facendo risultare il vuoto nella figura di un delta “come il delta dei fiumi”.
Otto, invece, rappresenta l’idea di una sedia nota e nuova allo stesso tempo, androgina e femminile contemporaneamente: struttura solida, minimale, curve ampie e accoglienti.

Anche se i progetti non sono nati contemporaneamente e per uno stesso scopo, è stato lo spirito critico e osservatore di Bonaldo a fare da trait d’union, mostrando come i progetti di Fabrice Berrux potessero coesistere in uno stesso spazio.