#Dada, Sistema XY by Francesco Meda

593

Mai come oggi, la “kitchen-mania” imperversa a tutte le latitudini e interessa trasversalmente tutte le #generazioni. Il cibo è ormai una passione glocal e il luogo deputato – la #cucina – è il regno dove ha luogo l’alchimia culinaria, a patto che tutto sia sempre in ordine e funzionale, come insegnano i grandi chef. Ispirandosi alle coordinate cartesiane, Francesco Meda progetta un nuovo sistema funzionale, modulare e flessibile dove ogni accessorio da cucina trova il suo posto, rimanendo sempre a portata di mano, attraverso un sistema di binari sul’asse X e Y. La cucina conviviale si apre ora a nuove #funzionalità incluso l’home-working, dove i molteplici accessori, utilizzati per diverse funzioni, devono essere sempre facilmente disponibili.

In questo periodo, rimanere a #casa per lungo tempo ci ha insegnato a essere più ordinati, affrontando il problema di sistemare gli oggetti in modo razionale e averli sott’occhio immediatamente. Questo tema è soprattutto valido in cucina dove i molteplici #accessori, utilizzati per diverse funzioni, devono essere sempre facilmente disponibili. Francesco Meda, designer milanese, affronta il tema con il #progetto XY, un #sistema attrezzato universale e custom made che può essere abbinato ai diversi modelli di cucina Dada, sia esso sviluppato a #parete sia come isola indipendente.

“La difficoltà principale è stata quella di pensare a un prodotto funzionale e trasversale, realizzato attraverso un metodo costruttivo semplice e non invasivo in modo tale da poter convivere con le cucine esistenti. Sono quindi partito dall’idea di offrire una nuova tipologia di utilizzo della cucina grazie all’integrazione di differenti accessori”, Francesco Meda.

Il Sistema XY, nome che richiama le coordinate cartesiane, si sviluppa in verticale e in orizzontale attraverso diversi profili estrusi in #alluminio. Un canale attrezzabile centrale compone l’“asse” fondante del progetto, accogliendo vasche attrezzate, come porta coltelli, porta taglieri, porta spezie, porta condimenti, vani per le prese elettriche, cappa estrazioni fumi, scolapiatti. Anche i profili che lo compongono possono accogliere diversi #accessori a scorrimento, oltre a un piano 130 cm x 130 cm, sempre in legno, che può essere utilizzato come #tavolo informale.

Sullo stesso canale si possono sviluppare anche in verticale elementi montanti a supporto di un sistema di #mensole in alluminio, che possono accogliere diverse finiture per i ripiani, come legno o inox. Questa flessibilità permette configurazioni diverse che generano estetiche differenti, più calde se si utilizza il legno, più industriali e tecniche se si utilizzata l’acciaio inox. Le mensole nella parte inferiore hanno un vano ricavato nell’estruso che permette l’inserimento di #LED. I montanti che reggono le mensole sono in grado di ospitare un profilo che viene utilizzato per inserire i ganci porta utensili, ganci porta bicchieri da vino, porta carta ecc. Questo binario offre una grande libertà nel movimento degli accessori che possono scorrere ed essere posizionati in maniera libera nella cucina e rimanere sempre a portata di mano.

“È stato molto complesso realizzare i numerosi estrusi” – prosegue Meda – “perché integrano più funzioni e non devono risultare invasivi, ma allo stesso tempo devono essere elementi strutturali per reggere l’intero sistema. Ho lavorato molto con il centro R&D per definire numerosi dettagli estetici e costruttivi come la miniaturizzazione del binario che permette lo scorrimento degli accessori sul top. Difficile è stato anche risolvere l’assemblaggio dell’intero sistema in maniera semplice perché composto da numerosi componenti che devono dialogare tra loro”.

Il Sistema XY, molto aperto e flessibile, permetterà in futuro di dotarsi di altre funzioni grazie a nuovi layout e tipologie di utilizzo. Dada da sempre è attenta a proporre una #produzione sostenibile, utilizzando #materiali come alluminio, vetro e legno che, previo disassemblamento in componenti mono materici, possono essere avviati al riciclo, contribuendo così a processi virtuosi nell’ambito di un’#economia circolare rispettosa dell’#ambiente.