#CasalgrandePadana, il Jw Marriott Venezia Resort & Spa

231

Un creativo #pavimento con lastre in #gres porcellanato di #CasalgrandePadana simili alla fine tessitura di un #tappeto caratterizza gli ambienti di questo lussuoso #Hotel.

Dal masterplan generale al recupero degli #edifici esistenti, l’intervento del JW Marriot Venice Resort & Spa da parte dello studio Matteo Thun & Partners + Luca Colombo è stato costantemente ispirato da una visione olistica e quindi considerato nella sua armonica totalità. Senza trascurare nessun #dettaglio, la scelta della #pavimentazione delle #camere è stata appositamente disegnata, per richiamare in modo coerente, i vecchi pavimenti in legno del #ristorante dell’ex Dopolavoro: l’espressivo impiego dei listelli in gres porcellanato in quattro colori pastello (Architecture Warm Grey e White, Unicolore Acquamarina e Rosa Antico) in formato 10×60 cm posati “a spina di pesce con tecnica all’italiana”, richiama alla memoria le raffinate tessiture dei #tappeti e concorre ad impreziosire gli ambienti, valorizzando e ampliando le possibilità creative e di utilizzo del materiale ceramico.

Il #progetto ha previsto la riorganizzazione dell’isola in tre parti principali: l’#edificio principale dell’hotel, composto da 230 suite in stile contemporaneo veneziano, un centro conferenze e la Residenza in mattoni stile Liberty.

Ulteriori interventi hanno interessato sia la ricostruzione dell’antica facciata dell’ex sede del Dopolavoro che oggi ospita il ristorante, sia la zona riservata alla SPA.

Accanto all’ex edificio del Dopolavoro, sorge la Maisonnette Suite, un #edificio a due piani ricostruito con all’interno dei vecchi muri una struttura in cemento e acciaio e il tetto in rame.