Bicchieri di cristallo, i segreti della lavorazione

325

L’ingrediente principale del vetro è la #sabbia di silice. Quando si scalda con altri elementi chimici diventa un liquido che si può modellare per dargli una forma particolare. Aggiungendo ossido di #piombo si ottiene il #cristallo, più delicato del vetro normale e più facile da decorare.

Gli #artigiani iniziano con la sabbia di silice che è un tipo di sabbia purissima. Poi aggiungono ossido di #nichel, ossido di piombo, carbonato di #potassio, nitrato di potassio e #antimonio per donare al cristallo finito il peso e la brillantezza. Questa miscela viene scaldata per 18 ore, creando una massa di #vetro fuso. A questo vengono aggiunti pezzi di cristallo rotto o scartato. Ora, un #soffiatore utilizza un’asta di #acciaio temperato per raccogliere parte del cristallo fuso. L’asta di acciaio viene fatta girare in continuazione su un tavolo resistente al calore. La fiamma si genera perchè il #tavolo è rivestito di cera d’api, per evitare che il cristallo fuso si attacchi al tavolo stesso. L’artigiano soffia un po’ d’aria per creare la base del pezzo detta palla. Dopo averla fatta raffreddare per 90 secondi immerge la palla nella fornace per rivestirla con un altro strato di cristallo fuso. Ora, comincia a modellare la palla utilizzando fari attrezzi di #legno. Come il ceppo, poi usa un divisore per far sì che la palla possa entrare in uno stampo di acciaio. Questo è solo uno dei 150 stampi che questa fabbrica utilizza. L’interno dello stampo è rivestito con una colla fatta di polvere di #sughero, olio di #lino e polvere di #carbone. Questo evita che la palla sia appiccicosa e provochi difetti nel cristallo. Il soffiatore sgancia la palla utilizzando un pedale. Dopo averla raffreddata per un minuto viene giunto altro cristallo per creare lo stelo del bicchiere. La massa fusa viene tagliata con delle forbici apposite. Per modellare lo stelo utilizza prima un divisore di legno poi uno di metallo per allungare la massa fusa dandole la forma dello stelo. Non ci sono stampi e schemi da seguire, dipende soltanto dal colpo d’occhio, dall’intuito e dalla pazienza dell’artigiano.

Lo stelo viene raffreddato con strati di giornale inumidito che assorbe bene il calore e non lascia segni o difetti. Poi un altro artigiano aggiunge altra massa fusa per creare la base del bicchiere che viene appiattita utilizzando un attrezzo di legno, quindi modella ancora la base a mano con del giornale inumidito. Ciascun pezzo viene realizzato a mano quindi ognuno sarà leggermente diverso dall’altro. Questa azienda crea venti modelli di bicchieri compresi quelli per il vino rosso, quello per il bianco, il porto e lo spumante. I #bicchieri infine vengono posti in un forno a 450°, alla fine della giornata il forno viene spento per lasciare che i bicchieri si raffreddino gradualmente durante la notte. il giorno successivo un artigiano utilizza una torcia di acetilene per tagliare il bicchiere e rimuovere il “tappo”, per far girare il bicchiere e praticare il piatto usano un vecchio piatto girevole. Per una maggiore precisione lisciano e smussano il bordo con una smerigliatrice di metallo. Un altro artigiano (l’incisore) vi segna una griglia con una penna resistente all#’acqua utilizzando un altro piatto girevole per tenere ferma la mano mentre disegna. Non è un modello vero e proprio, si tratta solo di una linea guida generale per creare il disegno del pezzo, il modello creato sul video si chiama “Titanic” poiché è ispirato all’#arredamento delle navi di linea. L’acqua raffredda lubrifica e pulisce la zona durante l’incisione. Esistono due tipi di #incisione, concava o piatta. L’incisione concava crea disegni molto complessi mentre quella piatta serve per disegni più delicati e meno angolati, qui utilizzano il metodo concavo che può essere praticato solo con rotelle a punta di diamante. Una volta terminate le #decorazioni viene eseguito il controllo qualità prima che venga inciso il marchio dell’azienda.

VIAMobilpro
Se l’articolo ti piace condividilo. Se ti fa riflettere, commentalo. Se non ti piace, passa oltre. Se puoi linkarlo, fallo. Mi occupo di Assistenza, Suggerimenti e Servizi Internet a Rivenditori, Industrie e Rappresentanti del Settore Arredamento.